L’ebrezza del fiore

 

Bologna, 4 novembre 2015

 

IMG_3106

La vita del giardino è un chiacchiericcio continuo, di messaggi che provengono dal passato e si dissipano nel presente creando un reticolo di strutture ordinate, d’invenzioni che si mettono in fila verso un probabile futuro, di un istante che rimbalza come la luce nell’aria creando il panno azzurro del cielo. Si raccolgono segnali remoti per tradurli in geometrie adattative, si rompono legami chimici per creare energia ma poi… eccoli riapparire per accumulare informazioni sul battito solare.

E cosi la macchina della storia continua a scrivere sul foglio della vita, dando corpo a menti collettive che superano le barriere dell’individuo e del tempo. Cosa si raccontano un’ape e un fiore, dispersi ai margini di questo sentiero, mentre cerco d’inquadrare un orizzonte possibile? Cos’è un’ape e cosa un fiore? Dove porre il confine mentale, se un fiume feromonale corre lungo i loro argini e continuamente ne modella l’architettura?

Il giardiniere in breve diventa il giardino ma non se ne preoccupa né si rassicura o si riempie d’orgoglio per questo. Essere giardiniere significa lasciarsi abitare, provare l’ebbrezza dell’ape che vola sui sogni di una mente collettiva, che riceve emozioni dai flussi vegetali sterminando il suo corpo.

Essere giardiniere significa lasciarsi frugare, provare l’ebrezza del fiore che costruisce autostrade nell’aria e piste di atterraggio, con intermittenze di segnali chimici a regolare il flusso degli avventori. Il giardino è un campo di virtualità, l’insieme dei dialoghi possibili, e ogni essere vivente fa emergere dallo sfondo il suo dialogo creando un angolo di reale.

e2e321fca77871e91c0d157913fca735

È così che l’informazione si accumula lungo i piani di questa scala, che poggia sull’inconoscibile e segue una non direzione possibile. Diventare giardino significa finalmente accettare di non poter dire l’ultima parola su alcunché.

 

 

 

…a martedì prossimo!

One thought on “L’ebrezza del fiore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.